Questo mandato è una camera a gas, ma chi cede per primo ci rimette le indennità!

Questo mandato è una camera a gas, ma chi cede per primo ci rimette le indennità!
Obbiettivo Agenti | 09/06/2021 | 10:54
C'è una parola che sembra spaventare molte aziende quando sono in procinto di chiudere con un loro agente: le INDENNITÀ. Ecco allora che gli agenti cominciano a non ricevere più i listini prezzi, i campionari, le informazioni sulla zona e così via. Tutto questo nella speranza che l'agente se ne vada da solo.
 
Cosa fare in questi casi?
 
Alle 13:05 ascolta la puntata in onda sull’app di RadioAgenti.
Ospiti in studio: gli avvocati Lorenzo Bianchi e Valerio Colapaoli, esperti in Diritto di Agenzia.
 

Il riassunto della puntata:

Difficile ottenere un mandato. Ma è forse ancora più complicato mantenerlo in vita, in buona armonia tra le parti e con reciproca soddisfazione. Capita, alle volte, di incappare in rapporti non più felici, come un matrimonio, o una storia d'amore, che si trascini per inerzia, in cui i coniugi temono un penoso divorzio.

 

Il rapporto di agenzia è come un matrimonio, e le indennità come un divorzio

Proprio come un matrimonio, il rapporto di agenzia si basa, o dovrebbe basarsi, su lealtà, buona fede, trasparenza. L'agente e la sua mandante hanno degli obblighi contrattuali, il cui mancato rispetto può determinare la chiusura del mandato.

 

Questo è il punto cruciale: se non vanno più d'accordo, perché questi due (quasi ex) coniugi non si separano? Ebbene, c'è una parola che sembra spaventare molte aziende quando sono in procinto di chiudere con un loro agente: le indennità. Un po' come il mantenimento che terrorizza chi, tra moglie e marito, è destinato a versare un generoso vitalizio alla sua non più dolce metà.

 

E, quindi, quando un agente non si rende più utile o gradito, lo si accompagna virtualmente alla porta, rendendo la sua permanenza difficoltosa. Non fornendo i listini prezzi, i campionari, le informazioni sulla zona e così via. Nell'attesa, semplicemente, che la porta l'agente se la apra da solo.

 

Infatti, il diritto indennitario sorge nel momento in cui il mandato si chiude per iniziativa della mandante. Una decisione in tal senso presa di propria volontà da parte dell'agente lo priverebbe della sua aspettativa indennitaria.

 

Alle volte la chiusura è inevitabile

Tutto qui? L'azienda smette di fare il suo dovere verso l'agente, lo mette nelle condizioni di chiudere per sua iniziativa, e si tiene in tasca le indennità? No, non è così semplice, pur con una potenzialmente enorme varietà di circostanze e situazioni, a seconda del mercato di riferimento e delle sue consuetudini.

 

La prima valutazione che l'agente, che si senta messo alle strette, deve formulare è questa: quanto sono gravi le inadempienze di cui sta subendo le conseguenze? Non ricevere il campionario nel settore abbigliamento quando viene lanciata la nuova collezione per la stagione ventura è decisamente più grave che nel settore, per esempio, dei carrelli elevatori e delle macchine industriali, difficilmente sottoposti a cambiamenti stagionali, e vendibili anche con il materiale promozionale dell'anno prima.

 

Se la mancanza dell'azienda, ben inquadrata in questi parametri, può a ben titolo dirsi grave, l'agente può sganciarsi da questo malsano rapporto, invocando la chiusura per giusta causa. Soluzione che permetterebbe la salvezza delle indennità.

 

Alcune considerazioni sulle indennità

Le indennità, cari agenti, devono essere richieste. E non con una chiacchierata informale, ma con una missiva scritta, come una mail, ancor meglio se certificata. Scegliendo peraltro l'interlocutore giusto: sarà da evitare il segretario o un semplice capoarea, e la scelta dovrà ricadere su una figura apicale, in grado di impegnare l'azienda, come un direttore commerciale, o delle Risorse Umane. Infatti, quello che viene considerato spesso, con una bonarietà ai limiti dell'ingenuità, un meccanismo automatico, ebbene, non lo è.

 

Se le indennità non vengono richieste, formalmente, entro un anno dalla cessazione del mandato, il diritto ad ottenerle decade. Come se non fosse mai esistito. Una volta interrotta la decadenza, una comoda prescrizione decennale permette di avere tutto il tempo, forse anche troppo, per mettersi d'accordo e per ottenerle la liquidazione.

 

Alla chiusura del mandato, una delle prime operazioni condotte dall'azienda è chiudere la posizione in Enasarco, che a sua volta liquida il FIRR all'agente: questo atto può essere considerato come interruttivo della decadenza.

 

La redazione di Obbiettivo Agenti ha spesso ascoltato delle testimonianze di agenti che, consapevoli di alcune provvigioni che sarebbero maturate nei mesi successivi alla chiusura, attendono che queste arrivino con il pagamento delle fatture, per avviare i conteggi delle indennità: il rischio è che il tempo passi, e che si vada incontro alla odiosa decadenza.

 

Il suggerimento sempre avanzato in questi casi è quello di non aspettare, di chiedere subito il dovuto, in quanto questo può essere soggetto anche a un'integrazione posteriore, e, soprattutto, meglio non rischiare, e percepire tutto, anche se magari in misura leggermente inferiore.

 

Mai tollerare malversazioni

Torniamo al frangente precedente alla rottura, nella situazione di un agente messo nelle condizioni di mollare, che magari abbia un fatturato pari a zero da molto tempo a causa di un atteggiamento riottoso della sua mandante. Tutto sta nel non tollerare.

 

Perché tollerare per un certo lasso di tempo può significare, a posteriori, che in fin dei conti quell'inadempimento contrattuale non era poi così grave – il lasso di tempo tale da configurare un'accettazione sarà tale in base, anche qui, al mercato di riferimento e alle sue caratteristiche.

 

Attenzione a questo aspetto, perché può significare anche un mutuo consenso alla risoluzione del rapporto in base all'articolo 1732 del Codice Civile. Con il mutuo consenso, il mandato si scioglie non per iniziativa della sola mandante, essendovi compresa anche la volontà dell'agente. Questo mutuo consenso (o dissenso, forse sarebbe meglio definirlo così!) impedisce che il diritto indennitario sorga.

 

Traiamo le nostre conclusioni

Occorre valutare se il rapporto di agenzia è già finito, al di là della formale disdetta. Le obbligazioni contrattuali legano ambo le parti, e non adempiervi può provocare la fine del mandato anzitempo. Gli ordini non vengono più raccolti, perché l'azienda non ti manda più il campionario? Caro agente, scrivi, chiedi spiegazioni, e non ti accontentare di un “Se non sei soddisfatto, manda la disdetta!”


Potrebbe interessarti anche:

La tassazione delle indennità di fine rapporto per gli agenti di commercio
L’azienda ti ha disdettato oppure sei arrivato alla pensione e la mandante ti chiede un documento fiscale per liquidarti le indennità di fine rapporto? Come prepararlo?
della Redazione

leggi tutto

Il mio socio va in pensione. Devo versargli le indennità di fine rapporto?
Quando il socio di una SNC va in pensione, e la società di conseguenza non esiste più, l'azienda liquida le indennità, oppure no? Alle 13:05 ascolta la puntata in...

Ascolta Podcast

La mandante chiude e riapre con una nuova ragione sociale. Che fine fanno le indennità?
La mandante dopo 35 anni di attività decide di chiudere e riaprire con una nuova ragione sociale.   Che cosa succede al contratto di agenzia di un agente di...

Video & Podcast

L’azienda, per non pagarmi le indennità, mi tiene in sospeso da anni. Che fare?
Intrappolato, nel vero senso della parola, in un contratto di agenzia da anni improduttivo ai fini del fatturato. L’azienda non ha più articoli che l’agente di...

Video & Podcast

Fusioni di aziende e passaggio di mandati: quando spettano le indennità di fine rapporto? e il FIRR?
Fusioni di aziende e passaggio di mandati di agenzia   Le domande a cui risponderà oggi l'avvocato Lorenzo Bianchi, esperto in Diritto di Agenzia, ospite in...

Video & Podcast

Le indennità di fine rapporto spettano ai soci che escono dall’agenzia di rappresentanza?
La gestione delle indennità di fine rapporto per le società genera sempre parecchie domande e, in alcuni casi, anche spiacevoli sorprese.   Per esempio:...

Video & Podcast

FIRR: un diritto dell'agente. Sì, ma solo se l'azienda lo versa!?
Alla chiusura del mandato di agenzia, l’amara sorpresa: ti accorgi che la mandante ti ha versato il FIRR (Fondo Indennità Risoluzione Rapporto) solo per alcuni anni e...

Video & Podcast

Un’azienda italiana è tenuta al pagamento delle indennità a un suo agente di commercio estero?
Salvo è un agente italiano, croato per adozione. In Croazia lavora come S.r.l. per alcune mandanti italiane, pagando in questo Paese europeo le sue imposte e i suoi...

Anteprima

Accettare e ricevere il pagamento delle indennità e poi rendersi conto che i calcoli sono errati. Posso richiedere ancora le somme mancanti?
Giuseppe, ascoltatore di Radio Agenti e protagonista - con la sua domanda - della puntata di oggi, ha subito la disdetta dalla sua mandante lo scorso ottobre; ha...

Ascolta Podcast

La tassazione delle indennità percepite per la cessazione del rapporto di agenzia. A quanto ammonta?
Capita spesso che le indennità di fine rapporto, in particolare il patto di non concorrenza post contrattuale, vengano pagate in costanza di rapporto, inserite in...

Ascolta Podcast

Indennità e FIRR: quanto tempo dopo il termine del mandato devono essere erogati?
Una delle domande che ci fate in maniera più ricorrente Indennità e FIRR: quanto tempo dopo il termine del mandato devono essere erogati? Spesso le aziende mandanti...

Ascolta Podcast

Ascolta la Diretta
Tutti i giorni, 24 Ore al giorno. Dirette e Repliche sempre disponibili e sempre Live.
Matricola Enasarco
Non ricordi la tua Matricola Enasarco? Ti aiutiamo a recuperarla.
Programmi & Trasmissioni
Scopri tutte le nostre Trasmissioni dedicate al Mondo degli Agenti di Commercio
Scarica l'App
Hai uno Smartphone oppure un Tablet? Scarica l’App Gratuita di Radio Agenti.IT
Annunci di Ricerca Agenti
Una selezione di Annunci di Aziende che Cercano Agenti di Commercio, Venditori, Capi Area...
Calcola il Calo di Fatturato
Verifica se hai subito un calo di fatturato e se hai diritto al contributo a fondo perduto...
Petizione Deduzione Costo Auto
Aderisci alla Petizione “Deduzione Costo Auto” per gli Agenti di Commercio...
Raccolta Firme Sostegno Categoria
Aderisci alla Raccolta Firme per il Sostegno alla Categoria Decreto Ristoro...
Calcola il Calo Provvigionale
Erogazione Straordinaria Enasarco per la diminuzione delle provvigioni del 33%...