Prodotto + assistenza tecnica: vendere entrambi ma non vedersi più riconosciuta la doppia provvigione. Ci si può opporre?

Prodotto + assistenza tecnica: vendere entrambi ma non vedersi più riconosciuta la doppia provvigione. Ci si può opporre?
Obbiettivo Agenti | 11/02/2020 | 12:01 | aggiornato 11/02/2020 | 14:38

Ascolta il podcast della puntata

La mandante di Massimo, l'ascoltatore che si è rivolto ad Obbiettivo Agenti per un consiglio, commercializza macchinari elettronici e relativi contratti di assistenza. Da un momento all'altro, ha comunicato al suo agente che da allora in poi, pur continuando a venderli, Massimo non avrebbe ricevuto provvigioni sull'assistenza tecnica.

Inoltre, il listino prezzi dei prodotti si è impennato, con ritocchi anche molto rilevanti, senza alcun giustificato motivo, e, parallelamente, sono state modificate le modalità di calcolo delle provvigioni, rilevate ora sul margine di differenza tra ricavi e costi.

A Massimo, e su questo chiede conforto ai legali della trasmissione Lorenzo Bianchi e Valerio Colapaoli, non sembra una condotta legale. Ascoltiamo la risposta dei consulenti di Obbiettivo Agenti alle 13:05 in diretta su Radio Agenti.


Il riassunto della puntata:

Solitamente, le aziende mandanti sanno come muoversi su questo terreno. Di norma quindi, i loro settori legali e i loro consulenti redigono una comunicazione formale, un allegato contrattuale, o addirittura un nuovo contratto da sottoporre alla firma dell'agente. Con il consenso delle parti, quanto accaduto è sicuramente legittimo. Tanto più se fosse stato prodotto un nuovo contratto, in cui le condizioni, giocoforza, sono diverse rispetto a un altro rapporto.

La spia che qualcosa non quadri sta nel discorso di Massimo che più di una volta, nel suo messaggio, usa la parola “unilateralmente”. Quindi, i cambiamenti sembrano essere subiti, non concordati in nessun modo, e, forse, nemmeno accettati con una firma. Se queste modifiche non fossero state formalizzate in alcun modo, l'azienda avrebbe avuto una condotta “azzardata”, ipotizza Bianchi. Pur in modalità non esattamente corrette, e di sicuro poco ortodosse, questi cambiamenti potrebbero essere stati comunque accettati da Massimo con la lavorazione alle nuove condizioni. Infatti, se Massimo non avesse opposto obiezioni, e avesse lavorato con le nuove modalità di calcolo delle provvigioni esplicitate dall'estratto conto provvigionale, avrebbe accettato tacitamente i cambiamenti.

Il comportamento della mandante, il “verdetto” dello studio è unanime, è scorretto. È vero che nel mondo agenziale vige la libertà di contrattazione, ma è altrettanto vero che tutte le variazioni devono essere messe per iscritto. Inoltre, rispetto alle provvigioni, queste vengono ora calcolate sulla differenza tra ricavi e costi. Quindi, su elementi non controllabili dall'agente, cui è affidato il compito di promozione, non quelli di ricerca, sviluppo, investimento. Tutto questo suona come profondamente ingiusto.

Ascolta la Diretta
Tutti i giorni, 24 Ore al giorno. Dirette e Repliche sempre disponibili e sempre Live.
Matricola Enasarco
Non ricordi la tua Matricola Enasarco? Ti aiutiamo a recuperarla.
Programmi & Trasmissioni
Scopri tutte le nostre Trasmissioni dedicate al Mondo degli Agenti di Commercio
Scarica l'App
Hai uno Smartphone oppure un Tablet? Scarica l’App Gratuita di Radio Agenti.IT
Calcola il Calo Provvigionale
Erogazione Straordinaria Enasarco per la diminuzione delle provvigioni del 33%...
Petizione Deduzione Costo Auto
Aderisci alla Petizione “Deduzione Costo Auto” per gli Agenti di Commercio...
Raccolta Firme Sostegno Categoria
Aderisci alla Raccolta Firme per il Sostegno alla Categoria...
Annunci di Ricerca Agenti
Una selezione di Annunci di Aziende che Cercano Agenti di Commercio, Venditori, Capi Area...