Caricamento

Se il monomandato diventa un cappio al collo, come uscirne?

Se il monomandato diventa un cappio al collo, come uscirne?
Obbiettivo Agenti | 24/03/2021 | 12:47 | aggiornato 24/03/2021 | 14:33

Un quasi comune sentire largamente diffuso tra gli agenti vuole che, spesso e volentieri, il monomandato sia percepito come estremamente limitante. L’impossibilità di affiancare un secondo mandato e una seconda attività in generale rende, a volte, infruttuoso il lavoro stesso a livello economico. In particolare, nei casi in cui non sia previsto un fisso mensile.

 

Come costruire la strada con la mandante per poter modificare il contratto da monomandatario a plurimandatario? E se di fronte alla spiegazione di serie motivazioni che ne giustifichino la richiesta, l’agente di commercio dovesse vedersi arrivare un bel rifiuto, può essere questa la situazione dalla quale dedurre una disdetta per giusta causa?

 

Alle 13:05 lo chiediamo agli avvocati Lorenzo Bianchi e Valerio Colapaoli, esperti in Diritto di Agenzia.

Ascolta la puntata in onda sull’app di #RadioAgenti.


Il riassunto della puntata:

“Mai accettare il monomandato! Tanto varrebbe essere un dipendente subordinato!” tuona Paolo via Whatsapp. Quello che dice l’ascoltatore sintetizza un comune sentire largamente diffuso tra gli agenti, dove, spesso e volentieri, il monomandato è percepito come estremamente limitante.

 

Essere monomandatario significa poter lavorare solo per quel determinato incarico assunto, quindi con un unico mandato di un'unica azienda mandante. Quindi, anche precludersi un'eventuale seconda fonte di guadagno, che possa essere un incarico di procacciamento, un'altra attività imprenditoriale e, ovvio, un altro mandato di agenzia.

 

Laddove per necessità o ingenuità un agente si trovasse incastrato in un monomandato, e da qui volesse uscire, la strada “dovrebbe essere costruita”, suggerisce l'avvocato Lorenzo Bianchi, perché non esiste un diritto di legge per modificare questo status. Più volte Obbiettivo Agenti ha trattato questo argomento, e il consulente legale della trasmissione ha sempre suggerito approcci votati alla lealtà e alla trasparenza. Anche perché, qualsiasi escamotage opaco, come società intestate a congiunti e così via, oltre ad essere punibile per legge, è anche difficilmente occultabile, ed esporrebbe alla disdetta per giusta causa, con perdita di tutte le indennità.

 

Da dove parte, dunque, la via di uscita? Parte da un colloquio con l'azienda, in cui l'agente possa evidenziare le difficoltà che derivano dall'avere un'unica fonte di reddito e la maggiore serenità di cui potrebbe godere in una situazione diversa. Serenità che gli consentirebbe di svolgere il proprio lavoro con più energia e motivazione. D'altronde, se l'agente si muove in un mercato fermo, per esempio per la stagionalità dei prodotti o per una particolare congiuntura di quel settore, un lungimirante management aziendale sarebbe in grado di comprendere e fornire il proprio assenso. Tanto più che l'agente potrebbe specificare che si tratterebbe di mandati non in concorrenza, del tutto secondari rispetto a quello che rimarrebbe il principale, in termini di tempo e risorse.

 

Se invece ci fosse, di fronte a così ragionevoli richieste, una chiusura da parte dei referenti aziendali, che esigono una abnegazione totale al mandato, allora l'agente potrebbe proporre l'istituzione di un fisso mensile, che possa aiutarlo a sostenere sé stesso e le spese che affronta in periodi di zero provvigioni.

 

Nello studio di Obbiettivo Agenti nessuno, nemmeno i nostri competentissimi esperti, ha la pretesa di fornire un consiglio universale; ognuno conosce la sua storia, il suo lavoro, il proprio mercato di riferimento, e potrebbe quindi dedurre quale possa essere una soluzione ragionevole per questi parametri. Ma, di fronte ad un intransigente no ad ambo le opzioni, probabilmente l'agente potrebbe dedurre la giusta causa per una disdetta. Togliendosi di dosso quello che, più che un mandato, sembra un cappio al collo.

Potrebbe interessarti anche:

Ho un contratto pluri, ma in Enasarco l’azienda l’ha registrato come mono e non vuole cambiarlo. Cosa fare?
Hai un contratto come plurimandatario con un’azienda. Ne hai appena firmato un altro con una seconda azienda, che si è adoperata per registrare il mandato in...

Video & Podcast

Agente monomandatario e procacciatore, contemporaneamente. Si può?
Un monomandatario può assumere e affiancare alla sua attività di agente di commercio un incarico di procacciamento d’affari? Eventualmente per prodotti e zone diversi...

Ascolta Podcast

Monomandato ed esclusiva, due cose ben diverse
Un’azienda mandante può avere altri agenti nella zona di un monomandatario? Questa è la domanda che ci ha fatto Joseph, agente di commercio e ascoltatore di...

Ascolta Podcast

Da mono a plurimandatario per necessità. Come gestire le obiezioni della mandante?
In questi ultimi due mesi, gli agenti di commercio dei settori completamente fermi hanno sofferto non poco. I monomandatari ancora di più. Qualcuno sta pensando...

Video & Podcast

Qual è il confine tra procacciatore e agente di commercio?
Non tutti possono essere agenti di commercio. E questo non per la particolare natura della professione, o per la sua intrinseca complessità. O meglio, non solo. La...

Ascolta Podcast

Come può sopravvivere un giovane monomandatario all’inizio dell’attività se l’azienda ritarda nel pagamento del fisso mensile?
Iniziare l'attività di agente di commercio, soprattutto se come monomandatario, è possibile senza un fisso mensile? E se l'azienda accorda il pagamento della...

Ascolta Podcast

Il fisso mensile va pagato a un monomandatario anche se infortunato e quindi impossibilitato a lavorare?
Un agente monomandatario infortunato, che non potrà essere operativo per alcuni mesi, ha diritto al fisso mensile inserito nel contratto anche se di fatto non potrà...

Ascolta Podcast

Se un monomandatario deve trasferirsi in una zona non coperta dalla mandante… esiste una via d’uscita?
Antonio è un agente plurimandatario sulla carta, ma monomandatario nella realtà dei fatti in quanto, muovendosi nel settore dell'editoria, è costretto a vendere solo...

Ascolta Podcast

Monomandatari: dipendenti mascherati da agenti o veri agenti di commercio?
Un agente di commercio monomandatario a cui l’azienda mandante impone l’obbligo di visite e report quotidiani, di passare dei giorni prefissati in azienda, a cui...

Ascolta Podcast

Ascolta la Diretta
Tutti i giorni, 24 Ore al giorno. Dirette e Repliche sempre disponibili e sempre Live.
Matricola Enasarco
Non ricordi la tua Matricola Enasarco? Ti aiutiamo a recuperarla.
Programmi & Trasmissioni
Scopri tutte le nostre Trasmissioni dedicate al Mondo degli Agenti di Commercio
Scarica l'App
Hai uno Smartphone oppure un Tablet? Scarica l’App Gratuita di Radio Agenti.IT
Annunci di Ricerca Agenti
Una selezione di Annunci di Aziende che Cercano Agenti di Commercio, Venditori, Capi Area...
Petizione Caro Carburante
Aderisci alla Petizione “Contro il Caro Carburante” per gli Agenti di Commercio...
Tazza Radio Agenti
Regalati la Tazza che ogni giorno viene messa in palio in diretta da Davide Ricci...
Richiesta Assegno Unico per Agenti
Richiesta Gratuita Assegno Unico Universale: 100% Online riservata agli Agenti di Commercio...
Modello ISEE Agenti di Commercio
Richiesta Gratuita tramite CAF Abilitato: 100% Online e riservata agli Ascoltatori di Radio Agenti...
Petizione Deduzione Costo Auto
Aderisci alla Petizione “Deduzione Costo Auto” per gli Agenti di Commercio...
Calcola Calo Risultato Economico
Verifica se hai subito un calo del risultato economico e se hai diritto al contributo perequativo...
Raccolta Firme Sostegno Categoria
Aderisci alla Raccolta Firme per il Sostegno alla Categoria Decreto Ristoro...
Calcola il Calo Provvigionale
Erogazione Straordinaria Enasarco per la diminuzione delle provvigioni del 33%...